Il PRESIDENTE del NAB VALORIZZA i BROADCASTER LOCALI

Il nuovo presidente del NAB, in apertura del grande evento dell’associazione a Las Vegas, trasferisce i 4 punti programmatici sui quali lavorerà a difesa e a promozione del mezzo Radiofonico locale. E si tratta di valori importanti…

E’ tornato il NAB SHOW di Las Vegas. Dopo lo stop delle edizioni 2020 e 2021 per la pandemia, l’evento numero 1 al mondo per il broadcast ha ripreso vita con profonde trasformazioni. Tutto è cambiato. Anche il Presidente del NAB. Curtis LeGeyt, precedente CEO dell’associazione, ora somma anche la carica di Presidente. Per chi non lo conoscesse, il NAB (National Association of Broadcasters) raccoglie le emittenti degli USA e del Canada. Le Radio iscritte sono circa 5.000. Ed è toccato al neo presidente aprire l’evento con il classico “State of the Industry” address.

Nel suo discorso di apertura del NAB SHOW 2022 il presidente si è soffermato su 4 punti che compongono la strategia del NAB per il prossimo futuro. Volentieri li riporto con traduzione letterale e integrale. Credo sia interessante e anche utile sapere su quali priorità che riguardano il mezzo Radio stanno lavorando i responsabili dell’associazione numero 1 al mondo.

Curtis LeGeyt, presidente del NAB

Punto 1 – L’economia delle notizie locali

In primo luogo, il Congresso deve agire per frenare la capacità di controllo dei giganti Big Tech che stanno soffocando l’economia delle notizie locali. Uno studio del 2021 ha rilevato che le emittenti locali perdono circa 2 miliardi di dollari all’anno quando si accede ai loro contenuti tramite Google e Facebook. US$ 2 miliardi! Ma questo non è un problema di copyright, è un problema di potere di mercato.

Le emittenti e tutti i media locali si affidano a queste piattaforme per raggiungere il pubblico online. Non abbiamo altra scelta. E quindi la loro posizione dominante sul mercato consente loro di offrirci condizioni di compensazione da “prendere o lasciare” che svalutano notevolmente il nostro prodotto.

Durante la sua recente testimonianza davanti alla sottocommissione antitrust del Senato, Joel Oxley, general manager di WTOP a Washington (la stazione All-News #1 di Washington D.C., ndr), ha riassunto l’ingiusto vantaggio dei Big Tech. Ha detto: “Considerate la grande tempesta che ha appena attraversato il nordest. Condizioni di bufera di neve. Tonnellate di lavoro a un sacco di costi e tempo per le emittenti locali. Ma non per Facebook, Google e simili. Semplicemente prendono il nostro servizio, ne traggono profitto e praticamente nulla torna a noi. Se non troviamo un modo per avere vere partnership con le grandi piattaforme, non saremo più presenti, e nemmeno con la nostra copertura”.

E Joel ha ragione. Senza le emittenti, la vita sarebbe stata messa a rischio durante quella tempesta. E non è tutto. Un recente studio di Brookings mostra che gli americani vengono danneggiati quando le notizie locali non sono all’altezza. Notizie locali inadeguate sono state collegate a una maggiore corruzione del governo, elezioni meno competitive e finanze municipali più deboli.

Ecco perché il Congresso deve approvare una legislazione per frenare il potere di mercato delle grandi piattaforme tecnologiche. Ciò include il Journalism Competition and Preservation Act, che eguaglierebbe il campo di azione per le emittenti. Questo disegno di legge ci consentirebbe di negoziare congiuntamente il valore dei nostri contenuti locali a cui si accede attraverso queste piattaforme. Non esiste un modello di business a lungo termine per le notizie locali se non risolviamo questo problema esistenziale.

Punto 2 – I limiti alla proprietà dei media locali

I legislatori e le autorità di regolamentazione devono modernizzare le leggi sulla proprietà dei media per riflettere le realtà del mercato. Un rapporto pubblicato lo scorso Congresso dalla presidente del Senato per il commercio Maria Cantwell ha osservato che Google e Facebook controllano circa il 77% della pubblicità digitale focalizzata localmente.

Eppure le emittenti operano ancora secondo una serie di regole che emulano una competizione nei mercati solo tra loro. Stiamo adattando i nostri modelli di business e i nostri contenuti per adeguarli al panorama dei media in rapida evoluzione di oggi. Ma leggi obsolete ci costringono a competere con un braccio legato dietro la schiena per la pubblicità di dollari e pubblico.

Il Congresso e la FCC devono esaminare da vicino se questi regolamenti vecchi di decenni stanno aiutando o ostacolando la concorrenza nelle trasmissioni e la competizione tra i media.

Punto 3 – La sostenibilità e la diversità nel broadcast

Stiamo esortando la FCC (l’Ente Federale delle Comunicazioni, ndr) a riorientare il modo in cui pensa alla politica di diffusione in modo più ampio. Cento anni fa il Congresso ha istituito un sistema in cui le stazioni radiofoniche erano autorizzate a fornire un servizio gratuito alle comunità locali nell’interesse pubblico. Le emittenti prendono sul serio questi obblighi di interesse pubblico e vanno ben oltre nel servire i loro ascoltatori ogni giorno.

Ma per realizzare la visione del Congresso, è imperativo che la FCC riconosca che la capacità dell’industria del broadcast di funzionare nell’interesse pubblico è fondamentalmente basata sulla sua redditività economica. Ciò significa che la Commissione deve valutare se ogni regolamento esistente e nuovo aiuterà o ostacolerà la capacità delle emittenti di prosperare in un ambiente mediatico dominato da altri servizi.

Ciò significa integrare gli straordinari vantaggi per i consumatori di nuove tecnologie e adottare politiche che ne consentano la crescita a vantaggio del localismo e del giornalismo affidabile. E significa anche che la FCC deve lavorare fianco a fianco con le emittenti per aiutarle ad attrarre talenti di spicco da ogni estrazione sociale per garantire che le stazioni riflettano sempre meglio la diversità nelle comunità che si servono.

Ma se rimaniamo impantanati in tutto ciò che si potrebbe sbagliare invece accedere subito a tutto ciò che si potrebbe fare bene, non ci riusciremo!

Punto 4 – Un tetto ai diritti musicali

Sollecitiamo il sostegno del Congresso al Local Radio Freedom Act, che si oppone a una nuova tassazione sui diritti discografici alle stazioni radio locali. Il NAB accoglie favorevolmente una discussione seria sulle riforme delle licenze musicali.

Possiamo far crescere la torta per gli autori garantendo al contempo un’industria Radiofonica economicamente sostenibile. Ma una commissione su tali diritti che sia autonoma e unilaterale sulle stazioni radio locali minerà soltanto il loro servizio.

Condividi l'articolo:

Desideri rimanere aggiornato
sui temi del mondo Radiofonico?

Le Newsletter periodiche di ASTORRI
sono 4 e puoi sceglierle
in base al tuo interesse.
Selezionale e registrati qui.


Il servizio di consulenza più richiesto

AUDIENCE ANALYSIS
a cura di ASTORRI

Scopri perché l'analisi dei dati
mette in moto i tuoi ascolti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.