SEGNALI di CRESCITA dal 1° TRIMESTRE di TER 2022

TER ha pubblicato in giornata oltre ai dati riservati per ciascuna emittente iscritta anche quelli sull’ascolto generale del mezzo. Sono interessanti e vi sono alcuni elementi di crescita che potete annotare…

I dati del 1° Trimestre 2022 sono finalmente arrivati! Con qualche giorno di ritardo sul previsto oggi TER, l’organo ufficiale della rilevazione degli ascolti Radiofonici, ha pubblicato le tipologie dei dati tipiche dei singoli trimestri. Da un lato vi sono quelli pubblici, che qui commentiamo e che si riferiscono soltanto ai dati sul complesso del mezzo Radio. Dall’altro quelli riservati, che sono inviati alle singole emittenti. Già in passato mi sono espresso sui secondi raccomandando specie alle Radio locali la massima cautela nel validarli e utilizzarli a fini di sviluppo editoriale.

I dati pubblici riguardano essenzialmente le 3 metriche principali che si utilizzano in campo Radiofonico; gli ascoltatori settimanali, quelli giornalieri e gli ascolti del quarto d’ora medio. Come da abitudine su questo blog, svolgo volentieri confronti con il passato per l’analisi di trend negli anni ma solo con periodi omogenei. Trattandosi di dati del 1° trimestre (dal 25 gennaio al 4 aprile) del 2022 li confrontiamo solo con i 4 primi trimestri precedenti. In questo modo costruiamo una visione a 5 anni di cui 2 “normali” (in blu) e 3 “pandemici” (in rosso).

Gli ascoltatori settimanali nei primi trimestri

Questo è l’unico dei 3 parametri che non cresce rispetto all’anno precedente. Il bacino di chi si sintonizza sulla Radio per almeno un quarto d’ora in una settimana rappresenta l’82,34% della popolazione oltre i 14 anni. E’ un dato comunque assai rilevante. Si nota inoltre che la perdita sullo stesso trimestre dell’anno scorso è in riduzione rispetto al confronto precedente. Nel corso della pandemia si è notato in altre analisi omogenee che sono soprattutto i target più mobili e attivi dei 14-54 ad aver causato la perdita mentre gli over 54 sono addirittura cresciuti.

Gli ascoltatori giornalieri nei primi trimestri

Nel parametro degli ascoltatori del giorno medio si nota un segnale di crescita dal precedente dato omogeneo. Nonostante gli ascoltatori settimanali siano calati, come visto poco sopra, nel giorno medio se ne recuperano ben 494.000, praticamente quasi mezzo milione. Nella metrica degli ascoltatori giornalieri, questi rappresentano il 64,42% del totale della popolazione 14+. Il dato di crescita registrato nel 2022 non assorbe ancora quello del 1° trimestre del 2020. E’ utile che la soglia psicologica dei 34 milioni di ascoltatori giornalieri torni ad essere superata presto.

Gli ascolti nel quarto d’ora medio nei primi trimestri

Il segnale di crescita più interessante giunge tuttavia dagli ascolti nel quarto d’ora medio. E’ il parametro che rileva quanti sono mediamente gli individui sintonizzati tra le 6:00 e le 24:00 in questo caso sul mezzo Radio nel complesso. Il dato del 1° trimestre del 2022, il terzo della fase pandemica, ha superato il riferimento omogeneo del 2020 ed è molto vicino a quello del 2018. Mancano solo 106.000 ascolti medi per pareggiare il dato del 2019, il migliore dell’ultima serie di 5 anni.

Photo Credit: iStock.com/Lemon_tm

Condividi l'articolo:

Desideri rimanere aggiornato
sui temi del mondo Radiofonico?

Le Newsletter periodiche di ASTORRI
sono 4 e puoi sceglierle
in base al tuo interesse.
Selezionale e registrati qui.


Il servizio di consulenza più richiesto

AUDIENCE ANALYSIS
a cura di ASTORRI

Scopri perché l'analisi dei dati
mette in moto i tuoi ascolti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.