COME RICONOSCERE un CERCHIO MAGICO nel MONDO della RADIO

Un articolo sugli inconfessabili “Cerchi Magici” che avvolgono i vertici di alcune Radio nazionali e locali. No nomi, no cognomi, no stazioni. Solo un test per scoprire se ne avete uno vicino a voi…

Subito il punto. Il Cerchio Magico è una percezione? Normalmente è connesso a sensazioni di esclusione, di impotenza e di ingiustizia. La negazione della meritocrazia, della possibilità di essere riconosciuti per il proprio valore. E’ possibile che sfoci in attacchi di ira, perfino di rabbia atavica nei casi più gravi. E può anche condurre alle dimissioni, normalmente accompagnate da un senso di liberazione mostruoso. La psicologia cura le vittime da mobbing e da altri danni che nascono in azienda; è auspicabile che trovi sostegni anche per quelle da Cerchio Magico.

Il Cerchio Magico è un club ristretto, un contesto opaco. Eppure voluto dal vertice. Il vertice è un titolare o un dirigente ascrivibile e di riferimento alla proprietà. Il quale adora le mani libere. Da un lato egli opera in un contesto organizzato, ma dall’altro chiama a sé per tutte le decisioni chiave un gruppo di persone che non hanno una qualifica specifica nell’organigramma. O che non hanno affatto una qualifica. E quest’ultimo è il punto più dolente. Come è noto ai più l’ignoranza è l’elemento più violento nella nostra società. Nulla al mondo è più grave.

L’origine dei Cerchi Magici

La relazione tra i componenti dei Cerchi Magici ha spesso origini nella promiscuità e in modi viscosi e alternativi a quelli lineari dell’organizzazione. I legami più frequenti sono quelli del sesso, seguiti ma non preceduti da quelli della parentela e poi da quelli della indomita fedeltà. Pare che entrare in un Cerchio Magico sia più semplice per chi pratica il monoteismo di pura devozione al vertice, indipendentemente dalle decisioni giuste e sbagliate. Un tempo gli yes man o woman erano considerati degli idioti. Oggi entrano invece nella massoneria di vertice.

Mi sento Alberto Angela al termine della descrizione di un fenomeno raro. L’ho mostrato bene? E’ un fenomeno poi così raro? Ve ne sono casi anche nel mondo Radiofonico? Non so voi, in 40 anni di Radio ne ho contati almeno una dozzina. E alcuni persistono. Altri sono ovviamente, e ci mancherebbe, spariti con vendite riparatorie. Ovviamente non faccio nomi e cognomi. Perché? Perché c’è qualcosa di più importante. Condividere i segni di conferma o meno che vi trovate a operare in una Radio dominata da un Cerchio Magico. Primo, saper riconoscere il nemico!

Frase sospetta #1: “Non si può cambiare il clock a tutte le ore?”

Probabilità di presenza del Cerchio Magico: 95% – Siete in una Radio di Flusso. Può capitare di peggio, no? Avete operato da settimane, mesi o anni a una certa evoluzione della vostra idea editoriale che si è riflessa nel clock. Sì, è uguale a tutte le ore per scelta di consistenza. Chiaro? Il vostro capo ne è contento, vede i risultati anche negli ascolti. E poi un bel giorno se ne esce con quella frase. E’ l’emblema della incompetenza e non può essere lui ad aver pensato una sciatteria del genere. E’ qualche esterno/a che ha già conquistato la sua mente. Ergo, sparire!

Frase sospetta #2: “Va tutto bene così anche se i dati dicono di no”

Probabilità di presenza del Cerchio Magico: 90% – Questa è la frase che associo con regolarità all’espressione del vertice che parla per coprire una persona vicina per amore (anche solo per sesso, extra-coniugale o meno), parentela o fedeltà. L’equivalente è: “Guardate che anche se gli ascolti non sono andati bene, lui/lei non verrà assolutamente rimosso/a dalla sua posizione. Fatevene una ragione”. E la ragione dovrebbe palesare che in quella Radio non si cresce nella professionalità oltre che negli ascolti. La reazione deve essere rigida e veloce. Ergo, cambiare!

Frase sospetta #3: “Dobbiamo ora seguire e imitare quella stazione Radio”

Probabilità di presenza del Cerchio Magico: 85% – Chi non è competente di Radio ma alberga nella massoneria di stazione talora si sente in dovere di aprir bocca e proporre qualcosa. In fondo se è lì un motivo ci deve pur essere. E mentre i professionisti cercano l’originalità, il non competente può giusto suggerire un modello già esistente, quello che ascolta. E quando il capo vira per orientare la ciurma nella direzione di una copia, in quell’istante saprete che egli ha perso la bussola. E qualcosa d’altro. Situazione pericolosa per la carriera. Ergo, salutare!

Frase sospetta #4: “Sulla Radio dobbiamo sentire il parere proprio di tutti”

Probabilità di presenza del Cerchio Magico: 80% – E’ l’80% di probabilità al momento in cui la frase è pronunciata che diventa il 100% entro le 2 settimane successive. E’ il capo che vuole ascoltare. Ma non per ascoltare. Per trovare le persone che la pensano più o meno come lui. E guarda caso saranno persone distanti dall’onda. Perché devono rappresentare gli ascoltatori, no? E le inserirà nel Cerchio Magico. Cercherete di spiegare che sono le ricerche stratificate e le qualitative che riportano le azioni degli ascoltatori. Ma sarà del tutto inutile. Ergo, sloggiare!

Frase sospetta #5: “Mi hanno detto che la musica è sempre la stessa. Puoi aggiungere un po’ di brani?”

Probabilità di presenza del Cerchio Magico: 75% – Se c’è una cosa per cui ci guadagniamo le pacche sulle spalle e i ringraziamenti del pubblico è quella di rendere riconoscibili le nostre (e sue) emittenti. La consistenza e la ripetitività sono strumenti di design e di fruizione. E non affatto forme di pigrizia o di scarsa voglia di cercare e aggiungere dei brani nelle playlist. E poi piove un personaggio da non si sa dove che convince il capo, che conosce i numeri e le durate medie di ascolto, a cambiare. E in un attimo sei nell’anticamera della vaghezza. Ergo, fuggire!

Frase sospetta #6: “In Radio è vero tutto ma anche il contrario di tutto”

Probabilità di presenza del Cerchio Magico: 70% – Questa è la classica frase che nasce da chi vuole mettere tutto in caciara giusto per mascherare la sua incompetenza e guadagnare tempo in mezzo al caos. Oppure proprio per la gestione nel caos in cui magari eccelle. L’antidoto c’è ed è semplice: “Bene allora stabiliamo insieme cosa è vero in Radio così sapremo anche il contrario”. Noterete un silenzio dall’altra parte. E in quel momento l’arbitro fischierà la fine della partita fissando il risultato su 1:1. Palla al centro per il prossimo incontro. Ergo, giocare!

Frase sospetta #7: “Potresti formare la mia assistente alla programmazione della musica?”

Probabilità di presenza del Cerchio Magico: 65% – E’ una richiesta che può voler dire più cose singolarmente o tutte insieme. Voglio togliermi di torno l’assistente. Voglio che lei sia vicina a te così ti controlla. Voglio sostituirti nel tempo per farti crescere in una posizione migliore. E’ necessario capire. E per farlo bisogna formarla per davvero questa persona comprendendo nel percorso se ha passione oppure è una spia. Potete proteggervi cominciando con il suo avvio al solo processo della programmazione e sotto controllo. Problema gestibile. Ergo, accettare!

Frase sospetta #8: “Quelli della redazione devono sempre portare le brutte notizie?”

Probabilità di presenza del Cerchio Magico: 60% – E’ una affermazione che il vostro capo, se persona responsabile e seria, può riportare solo perché c’è stato un incidente nella sua ipnosi precedente, in cui qualcuno si è inserito. Se è una finestra sul mondo il GR deve riportare i fatti secondo priorità. E ogni tanto sono anche positivi. Se si vogliono solo belle notizie esistono Topolino e Novella 2000, giusto per citarne due. Oppure ci si può occupare di temi in modo verticale come la sostenibilità e il volontariato. Un mondo di obiezioni possibili. Ergo, resistere!

Frase sospetta #9: “La linea musicale non mi piace più. Qualcosa non va!”

Probabilità di presenza del Cerchio Magico: 55% – Questa non è difficile. Di fronte a un mal di pancia si oppone tanto cervello. Guai a rispondere al moto di pancia con altra pancia. E’ un problema della selezione, cioè della scelta dei brani in rotazione? Oppure è un problema della programmazione, cioè di come i brani sono messi in sequenza? Hai sentito artisti in modo ravvicinato? E la separazione dei generi musicali ti è sembrata adeguata? Partire con la domanda successiva prima della risposta precedente. Domande ritmiche. Ergo, blandire!

Frase sospetta #10: “D’ora in poi per scegliere i conduttori ci vuole il parere dei social”

Probabilità di presenza del Cerchio Magico: 50% – Questa è una evidente mano lunga non del vostro capo ma di chi opera nei Social attraverso di lui. Il tentativo di dimostrare che con i Social gli ascolti aumentano è ormai fallito. L’ultimo tentativo è che i conduttori della Radio passino le loro giornate a interagire con il pubblico. Poveri tutti, conduttori e pubblico. Preferisci ricevere una telefonata dal Vip 1 o 2? Idiozie del genere. Quindi chiunque lavora in Radio, normalmente persone intelligenti, passa il parere usando un solo neurone. Ergo, accettare!

Photo Credit: iStock.com/Zach Zimet

Condividi l'articolo:

Desideri rimanere aggiornato
sui temi del mondo Radiofonico?

Le Newsletter periodiche di ASTORRI
sono 4 e puoi sceglierle
in base al tuo interesse.
Selezionale e registrati qui.


Il servizio di consulenza più richiesto

AUDIENCE ANALYSIS
a cura di ASTORRI

Scopri perché l'analisi dei dati
mette in moto i tuoi ascolti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.