La FORZA del PRIMO MATTINO e della SVEGLIA nei NUMERI della RADIO

Questa, in un solo articolo, è una vera e propria campagna di sensibilizzazione sulle prime ore della giornata. E capirete perchè il detto “Il mattino ha l’oro in bocca” è verissimo per la Radio!

Questa non è proprio un’analisi di ascolto, che infatti verrebbe categorizzata in modo del tutto differente e appropriato. Allora cosa è? Trattasi soltanto di opera esplicita di convincimento di tutto il potenziale di ascolto e di copertura del primo mattino. Lo so, svegliarsi prestissimo, e seguire e controllare ciò che succede al più tardi delle 6:00 ma molto meglio dalle 4:30 o dalle ore 5:00. Chi ce lo fa fare? L’audience! E per me è uno stimolo che basta e avanza pure. Per voi?

I numeri che vi presento anche a livello della singola stazione contano relativamente e sono un mero fatto di copertura, appunto di ascoltatori potenzialmente o realmente raggiungibili, non di ascolto. Dell’ascolto del primo mattino dei dati di TER 2021 del 2° semestre c’è già traccia su questo blog, essendomene occupato qui. Pertanto, e mi auguro di avercela fatta con questa introduzione lunga, non guardate le classifiche riportate a titolo di ragionamento ma tutte le dinamiche. E quindi? Partiamo con l’osservazione del primo mattino! Ecco le due versioni.

I dati del giorno medio tra le 6:00 e le 9:00

Prima guardate la riga rossa in alto. Avete letto bene. La Radio nel suo complesso alle ore 9:00 dal lunedì al venerdì ha già totalizzato 21.241.690 ascoltatori differenti, pari al 59,47% del suo totale. Ciò se posizioniamo l’inizio delle giornata alle ore 6:00. Non è incredibile? Si?!? Ditelo a Spotify! I circa 4 ascoltatori su 10 che non sentono la Radio entro le 9:00 sono raccolti nelle restanti 21 ore. E a livello di singola stazione? Questo è il dato medio tra tutte le 260 emittenti iscritte a TER. Nelle prime 3 ore si genera un terzo dei loro ascoltatori giornalieri.

I dati del giorno medio tra le 6:00 e le 10:00

Fate attenzione. La tabella sembra come la precedente ma l’intervallo di tempo preso in esame è cambiato. La fascia è ora tra le 6:00 e le 10:00. Sempre dal lunedì al venerdì. Alle ore 10:00 la Radio nel complesso ha prodotto 25 milioni di ascoltatori, corrispondenti a poco meno del 70% di tutta la sua raccolta giornaliera. E la media della copertura del giorno medio a quella ora per ogni singola emittente sale pure in modo considerevole. Tra le 6:00 e le 10:00 le emittenti “fabbricano” la metà dei loro ascoltatori giornalieri. Metà, alle 10:00! Ricordatelo.

I dati delle singole emittenti sono interessanti ma non fanno classifica, come anticipato nella mia introduzione. Un dato di percentuale elevato o alto elevato di una stazione significa che parte con il passo giusto ma occorre notare anche gli andamenti nel resto della giornata. I dati più eclatanti riguardano RAI RADIO 1 e RADIO PITERPAN che già alle ore 10:00 raccolgono una percentuale di ascoltatori giornalieri sul totale che supera il 60%. In grande fermento nel primo mattino nella raccolta di ascoltatori ci sono anche RAI RADIO 2, RAI RADIO 3 e RADIO BRUNO.

La sveglia e l’immissione di nuovi ascoltatori

L’analisi con software certificato da TER permette di comprendere le migrazioni quarto d’ora per quarto d’ora. Si possono verificare i passaggi diretti da una stazione alla propria e anche viceversa. Ma anche quanti accendono la Radio sulla data stazione X, sempre quarto d’ora per quarto d’ora. O quanti la spengono. Lo sanno bene tutti i miei clienti del servizio Audience Analysis. A titolo di esempio qui c’è il grafico del leader assoluto del primo mattino nei quarti d’ora, RADIO 105. Il colore arancione “Radio On” indica le nuove accensioni. Sono le sveglie.

Photo Credit: iStock.com/Andrii Sedykh

Condividi l'articolo:

Desideri rimanere aggiornato
sui temi del mondo Radiofonico?

Le Newsletter periodiche di ASTORRI
sono 4 e puoi sceglierle
in base al tuo interesse.
Selezionale e registrati qui.


Il servizio di consulenza più richiesto

AUDIENCE ANALYSIS
a cura di ASTORRI

Scopri perché l'analisi dei dati
mette in moto i tuoi ascolti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.