AGENZIA RADIO TRAFFIC: SPECIALISTI nella INFO-MOBILITA’ per le EMITTENTI

Radio e Info-mobilità sono partner, il mezzo della universalità e le notizie sulla viabilità. Legame indissolubile. C’è opportunità presente e futura per le Radio locali sia nel conquistare ascoltatori che nel conseguire ricavi dalla sponsorizzazione del servizio. Approfondiamo il tema con un grande specialista…

Radio e Info-Mobilità, un binomio di valore

La Radio è il mezzo mobile per eccellenza. The king of mobility. La sua universalità è garantita dall’emissione Broadcast in AM/FM/DAB, un vero e proprio servizio pubblico a libero accesso. L’autoradio è non a caso il ricevitore primario per la fruizione del mezzo.

La curva dell’ascolto tra il lunedì e il venerdì dall’autoradio domina in tutta la giornata ad eccezione della sola ora tra le 9 e le 10 in cui è l’apparecchio radio a conseguire la sua unica (risicata) vittoria. Al di là dei picchi tra le 8 e le 9 e tra le 17 e le 18 possiamo affermare che la giornata sia proprio tutta un “drive time”. Il concetto deve essere aggiornato.

Nel grafico del fine settimana la supremazia dell’autoradio come mezzo di fruizione rispetto a tutti gli altri device appare ancora più evidente.

In tutte le ricerche qualitative sugli ascoltatori della Radio il servizio di Info-Mobilità è quello di utilità e di informazione più richiesto e gradito.

La grande opportunità per le Radio locali è quello di attestarsi presso il pubblico come centri di competenza dell’info-mobilità nei propri territori attraverso la diffusione di numerosi aggiornamenti giornalieri. Si tratta di un impegno, un grande investimento di tempo e di denaro, che tuttavia apre anche a ricavi di sponsorizzazione assai appetibili.

L’Info-Mobilità non è una competenza “fai da te”

Purtroppo ancora molti operatori sono convinti che per offrire un buon servizio di Info-Mobilità sia sufficiente la fonte di “Google Maps” e/o poche altre. Quale leggerezza! Parliamo del tema con un grande specialista, Stefano D’Onofrio che è a capo di Agenzia Radio Traffic, agenzia di informazione Radiofonica che serve decine di emittenti.

Stefano D’Onofrio, direttore responsabile di Agenzia Radio Traffic, società del gruppo ACI con sede a Milano.

Qual è l’esperienza di Agenzia Radio Traffic dagli inizi a oggi?

“La cosa bella di Agenzia Radio Traffic è che, pur essendo nata ben 27 anni fa ha mantenuto intatto il punto focale che l’ha fatta nascere e diventare da subito un punto di riferimento. Dare informazioni sulla viabilità veramente efficaci, che servono al cittadino. 

In tanti anni siamo passati dall’appuntamento telefonico in radio agli mp3 e al codec. Abbiamo sviluppato la capacità di realizzare notiziari video in diretta e rubriche video di approfondimento. Abbiamo abbracciato fin da subito la rivoluzione digitale mettendo le informazioni su mappe per il web e realizzando app mobili. Siamo passati dall’alzare la cornetta e chiamare la Polizia Stradale alle piattaforme automatiche. In tutto questoil nostro focus è rimasto quello dell’informazione locale.

Agenzia Radio Traffic è presente sul web all’indirizzo https://www.radiotraffic.it

E’ il nostro punto di distinzione perché abbiamo da subito notato, e con noi l’Automobile Club Italia che ha investito su di noi, che gli spostamenti più importanti sono quelli quotidiani, casa-lavoro, casa-scuola, a corto raggio. Siamo partiti in Lombardia, collaborando col Comune di Milano e man mano ci siamo espansi, fino anche a realizzare servizi a livello nazionale, come ad esempio facciamo per Radio24. Abbiamo mantenuto però lo stesso approccio: informare l’utente sull’evento che ha l’impatto maggiore, per il maggior numero di persone in movimento. Questo può anche voler dire che l’evento più importante non è una coda in Tangenziale ma può riguardare i treni o le metropolitane, usati ogni giorno da migliaia di persone”.

Chi sono le persone che compongono Agenzia Radio Traffic?

“Siamo un’agenzia di stampa, questo significa che il nostro approccio è giornalistico. Di ogni evento cerchiamo di comunicare le famose “5W” del giornalismo anglosassone. Che cosa succede, chi è coinvolto (non nel senso della persona ma quali veicoli e quanti), dove accade, quando è accaduto (e quanto durerà) e la sua causa.

A questo abbiamo da subito unito le competenze necessarie per dialogare con i media. Speaker senza inflessioni, in grado di andare in onda su radio e tv anche all’ultimo istante per una breaking news. E la capacità di usare le piattaforme che ci permettono di scambiare i dati in tempo reale con le fonti di informazioni”.

Quali sono i servizi che Agenzia Radio Traffic offre alle emittenti?

“Il caro, vecchio notiziario di 45 secondi dopo il Giornale Radio è sempre il prodotto più richiesto. Un appuntamento che l’ascoltatore conosce e si aspetta e che offriamo in alta qualità. Sia registrato pochi istanti prima per le regie automatiche, sia in diretta. 

Ma la radio si espande, esce dal solo FM e noi abbiamo accompagnato queste evoluzioni. Mettiamo a disposizione il traffico su mappa per il sito web e l’app mobile dell’emittente. Dai nostri studi possiamo andare in onda in video per le emittenti che offrono la radiovisione, anche in questo caso sia in diretta che registrando gli appuntamenti poco prima.

I nostri notiziari, siano quelli sulla mobilità in tempo reale o rubriche di approfondimento, possono essere assimilati a podcast che un’emittente può rendere disponibili in tutte le forme, sempre aggiornate. Addirittura minuto per minuto usando una voce sintetizzata. Da alcuni mesi stiamo anche offrendo alle emittenti gli strumenti per realizzare la propria “skill” di Amazon o “action” di Google o per mettere i nostri contenuti su quei canali”.

Perché Agenzia Radio Traffic può fornire il servizio migliore in ogni lembo del territorio e meglio di Google Maps?

“Questa è una domanda che molti ci pongono e credo che la parola d’ordine sia “complementarietà”. Noi sappiamo quello che succede su tutto il territorio anche, e sottolineo anche, grazie alle informazioni che Google e altri navigatori mettono a disposizione. A queste uniamo la conoscenza puntuale di ciò che accade: perché su quella strada oggi si procede più lentamente di ieri? Perché quel tratto non è percorribile? Perché i treni su quella tratta non stanno circolando o quella linea metropolitana è bloccata?

Le cause possono essere innumerevoli: un incidente, di cui è importante conoscere il numero di veicoli o se stanno intervenendo i soccorsi. Un cantiere di lavoro, una manifestazione, una corsa ciclistica, un intervento delle forze dell’ordine. 

Noi siamo in contatto diretto con le fonti, anche grazie alla nostra natura istituzionale, e il nostro lavoro è conoscere, definire gli impatti e informare, arrivando prima di tutti a dare un’informazione completa. 

Se parliamo di Radio, questa è poi l’informazione che andrà in onda, concentrata in meno di un minuto nell’appuntamento canonico ma costantemente aggiornata su tutti gli altri strumenti che mettiamo a disposizione”.

Le occasioni di approfondimento sul tema della Info-Mobilità

Stefano D’Onofrio, direttore responsabile di Agenzia Radio Traffic, è raggiungibile sia via E-Mail che al telefono per eventuali approfondimenti: stefano.donofrio@radiotraffic.it oppure 02 66115319.

A breve sarà annunciato anche un Webinar aperto gratuitamente a tutti i partecipanti che verterà sugli ultimi avanzamenti di servizio sulla Info-Mobilità di Agenzia Radio Traffic.

Condividi il contenuto: