OROSCOPO e RADIO: ANTONIO CAPITANI

Siamo in piena estate, giorni pur tuttavia di analisi dei dati di TER 2018. Serve evasione, serve qualcosa che riduca la pesantezza dei numeri alla leggerezza dell’ombrellone o delle passeggiate in montagna. Cosa c’è di più appropriato dell’oroscopo? Sì, l’oroscopo! Ho deciso di proporre un articolo sull’oroscopo e la Radio che mai avrei potuto comporre senza di lui, senza il sommo protagonista dell’arte di proporre la lettura delle stelle nel mezzo dell’immaginazione. E’ lui o non è lui? E’ lui, Antonio Capitani! L’ho conosciuto a una cena con mia moglie che ha lavorato con lui in Conde Nast, casa editrice per la quale il Nostro ha prodotto l’oroscopo di Vanity Fair, e per non pochi anni. Simpatia totale e grande esperienza con amore per la Radio. Chi non l’ha sentito imperversare su Radio 105 o ancora prima su Radio Deejay? Oppure su Radio Kiss Kiss?

D – Ciao Antonio, da cosa nasce e come si sviluppa il tuo amore per le stelle? R – La passione per le stelle è nata a scuola, ho fatto l’Istituto Tecnico Nautico. Sono Capitano di lungo corso. Si fanno ben 5 anni di astronomia in quella scuola. Oltre all’aspetto matematico e tecnico a me aveva affascinato anche l’aspetto simbolico che avevo raccolto da alcuni racconti di mitologia celtica. E da lì capii che dietro la trigonometria e l’algebra c’erano cose altrettanto affascinanti del mondo delle stelle. Quindi ho cominciato a studiare l’astrologia.

Una delle partecipazioni di Antonio Capitani: RADIO 105, in “105 FRIENDS”.

D – Oggi dove ti si può leggere e seguire? R – Tutti i giorni sono sulla Gazzetta dello Sport, tutte le settimane il mio oroscopo in video è su Virgilio Video, dunque su Virgilio e Libero, i 2 portali di Italia On Line. Tutti i mesi sono su Ulisse, il periodico che si trova sugli aerei dell’Alitalia, e poi sulle mie pagine social.

D – Entriamo nel mondo della Radio, quali sono state nel tempo le tue collaborazioni e partecipazioni con le emittenti Radiofoniche? R – La Radio è stata sempre una delle mie grandi passioni. Mi piacerebbe molto riprendere a farla anche perché mi dicono che ho una voce Radiofonica. La prima grande esperienza è stata su Radio Deejay quando conducevo l’Oroscopo giornaliero; si chiamava “Capitani, mio Capitani” che poi è divenuto il nome della mia pagina pubblica Facebook. Da lì sono passato poi a Radio Monte Carlo, sempre con l’oroscopo giornaliero e dopo di ciò sono stato un po’ in tutte le Radio. Ho avuto una lunga collaborazione con Radio Kiss Kiss; sono stato ospite svariate volte su Radio 105, R 101, RAI Radio 2, e quindi le ho fatte un po’ tutte. Mi piacerebbe di nuovo fare la Radio ma non soltanto per proporre l’oroscopo giornaliero ma per fare dell’intrattenimento magari anche legato all’astrologia, perché no? Ma anche alla cucina (partecipante di Celebrity Master Chef, ndr).

D – In tutti quei passaggi Radiofonici c’è qualcosa che ti è rimasto nel cuore? R – Mi sono trovato sempre bene un po’ con tutti. Ho lavorato con Marco Baldini, Max Venegoni e Monica Sala, ho lavorato con Tony Severo, con Daniele Battaglia. Ho lavorato con tanti. Michela Andreozzi e Federica Gentile. Tutte le volte mi sono sempre divertito tantissimo. Perché la Radio è anche divertimento e questa è una dimensione che mi è congeniale perché a mia volta non mi prendo sul serio. Inoltre nella Radio si imparano tante cose.

D – Hai un linguaggio fortemente distintivo, irriverente e anche molto moderno oltre che diretto. Ti è stata riconosciuta questa caratteristica nelle emittenti Radiofoniche? R – Sicuramente il mio lessico mi ha reso riconoscibile. I miei sono sempre stati oroscopi non istituzionali. E’ stata l’originalità di certi neologismi che ha creato la differenza dagli schemi canonici.

D – Hai qualche suggerimento da offrire sul connubio magico tra Astrologia e Radio? R – L’Astrologia è versatilissima. Dove la metti sta bene. Sta bene in Radio, in televisione, nei Giornali di moda, di viaggi… sta bene in qualunque cosa. Quindi l’Astrologia è aggregante, incuriosisce, cattura l’attenzione anche di quelli che dicono di non credere all’Oroscopo e che poi magari sono i primi che vanno a leggere il pronostico giornaliero o settimanale. L’Astrologia potrebbe essere motivo di calamita per tanti ascoltatori, tanta gente, potrebbe essere motivo di attrattiva. Relegarla sempre ai soliti 2 minuti di previsione come fanno tante Radio, può essere un fatto restrittivo. La Radio potrebbe usare un po’ più estesamente e diffusamente il magico mondo delle stelle in varie formule perché comunque incuriosisce. Su Radio Kiss Kiss conducevo insieme a Gaspare Baglio un programma intitolato “Figli delle Stelle”, un programma di 2 ore e ricevevamo tutti i giorni non so più quante E-Mail, quanti messaggi. Intervistavamo personaggi dello spettacolo, facevamo le previsioni personalizzate di volta in volta. Per una Radio potrebbe essere una scelta furba estendere lo spazio astrologico dai 2 minuti del pronostico giornaliero a qualcosa di più articolato e più ricco.

Inserimento commenti più in basso

Condividi il post/la pagina:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *