I MIGLIORI CREATIVI della PUBBLICITA’ negli USA RACCONTANO la RADIO

La Radio è creatività. Il punto di partenza per pensare la Radio è la creatività. Perché? Un video lo illustra e lo spiega per voce e testimonianza dei migliori creativi della Radio negli U.S.A. E’ cibo per le nostre menti di Radiofonici…

I Mercury Radio Awards sono premi annuali negli U.S.A., riconoscimenti alla creatività nella produzione della comunicazione pubblicitaria per la Radio. Organizzati dal R.A.B. (Radio Advertising Bureau) rappresentano una delle liturgie della nostra industria perché motivano e qualificano i suoi interpreti più creativi verso l’uso commerciale. I premi sono riconosciuti agli autori dei migliori spot, all’uso dell’humour, ai promo delle stazioni, alla gestione del suono e anche alle più efficaci campagne sociali. C’è un Mercury Radio Award pure per gli esordienti.

Il video che segue è prezioso, specie per chi desidera cogliere l’ambiente della Radio, sentirlo e impossessarsene a fini creativi. E’ la raccolta dei “sentiment” sulla Radio dei vincitori dell’ultima edizione dei Mercury Radio Awards. Sono creativi, copywriter e produttori sia del lato pubblicitario che di quello Radiofonico alle prese con un incipit molto semplice: “Radio Is…”. Che cosa è la Radio per loro? E la somma delle loro risposte ben montate nel video del RAB offre una collezione di punti di vista e di approcci originali che può illuminarci.

Per chi non conosce l’inglese ecco una sintesi dei concetti espressi. Radio è… Un modo di collegare le persone alle loro comunità. La sensazione di rivolgersi a quella specifica persona. Connessione pura. Motivazione e ispirazione. Intimità. Divertimento. Un amico fidato. Creatività messa alla prova. Immaginazione. Il mezzo più personale. Un mezzo che non se ne andrà mai via. E tu… cosa è la Radio per te?…



Desideri rimanere aggiornato
sui temi del mondo Radiofonico?
Le Newsletter periodiche di ASTORRI
sono 4 e puoi sceglierle
in base al tuo interesse.
Selezionale e registrati qui!


Condividi il contenuto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *