ASTORRI con RADIOLINA ANCHE nel 2021 per un ANNO di SVILUPPO

RADIOLINA è la prima Radio in Sardegna. Avrò il piacere di accompagnarla come consulente anche nel 2021. E le idee sono già chiare, come riferisce l’amministratore Francesca Basti…

RADIOLINA è la prima Radio locale in Sardegna. E’ nel perimetro di un gruppo editoriale, il primo nella regione, che include il quotidiano L’Unione Sarda e la stazione televisiva Videolina. I riferimenti essenziali dell’emittente sono Francesca Basti, l’amministratore delegato, e Raffaele Masili, lo station manager. Sono consulente e formatore dal 2018 di RADIOLINA, confermato anche per il 2021. Ci sono stati ottimi risultati nel 2019, come riferito qui. E nel 2020?

Il prossimo 26 gennaio si conosceranno i dati di TER per l’anno passato e si potrà avere un risultato da aggiungere alla serie. L’aspettativa è prudente ma ancora una volta positiva, visto il dato del 3° trimestre riservato. Nel contempo il 2021 è già stato caricato di obiettivi e di attività. Occorre tener presente che il 2020 è stato più che impegnativo per RADIOLINA. Si sono concretizzati sia il lancio della sua Visual Radio che l’avvio del secondo canale Web e Dtt “SA RADIOLINA“.

Parola d’ordine: la ricerca dell’eccellenza

RADIOLINA vive un “bellissimo problema” che è quello delle maternità, una via l’altra! L’emittente sembra associata alla fertilità. Gran segno! Si tratta di eventi splendidi e che offrono anche il tempo di potersi organizzare. Superata la soluzione sui mesi di assenza anche della prossima mamma, una preziosissima giornalista e conduttrice, l’emittente può concentrarsi su miglioramenti e upgrade e quindi agire su la musica, la conduzione, l’informazione e anche sulla interattività.

Il tratto saliente scelto in modo strategico nel 2018 per RADIOLINA è stato quello della “Contemporary Hit Radio“. Ciò è in controtendenza alle ammiraglie del formato del passato come RTL 102.5 e RDS che si sono spostate attraverso la tecnica del “metronomo” verso soluzioni ibride e meno distintive, oltre che più adulte. E’ una scelta coraggiosa per il leader sardo che si traduce in un’offerta di musica contemporanea e di oggi che supera il 75% del totale.

Gli eventi e i talenti tra competenza e opportunità.

Oltre alla forza di orientarsi sul target giovane con il format “CHR”, RADIOLINA dispone di una rilevante leva di azione sul pubblico di riferimento e che può muovere e riattivare nell’anno in corso in Sardegna. Gli eventi! Francesca Basti ha maturato esperienze in tal senso già all’interno del gruppo ben prima del suo insediamento a capo della stazione Radio. E si è ben notato ciò nel tempo recente della sua attività in RADIOLINA, ad esempio in iniziative come lo Special Contest.

L’amministratore riferisce che è in progetto per il 2021 una riedizione dello Special Contest, aggiornata sia per funzione che per fruizione in tempi di pandemia. L’obiettivo è di un migliore focus nei target giovani. Si cercherà sempre, come fino al 2019, di rilevare i talenti sardi e di lanciarli in modo adeguato. Nell’impossibilità di promuoverli ancora quest’anno in festival imponenti, l’impegno sarà quello di abbinare un evento compatibile alle restrizioni per il Covid-19 con la produzione di un video per l’artista vincente.

Le Visual Radio

Occorre il plurale perché le Visual Radio con nascita 2020 e da far crescere nel 2021 sono ben 2. Quella di RADIOLINA e poi quella di “SA RADIOLINA”. Quest’ultimo è un canale Web e Dtt di sola musica tradizionale sarda; la selezione è secondo il folklore e la cultura dell’isola. Tra gli artisti scelti vi sono i Tazenda, Maria Giovanna Cherchi e Andrea Parodi. Si aggiungono cori unici e tradizionali con quelli dei Tenores e di altri.

In base al racconto di Francesca Basti nel 2021 ci sarà un arricchimento delle Visual Radio. “SA RADIOLINA” avrà anche dei veri e propri programmi come “Atobius” curato da Paola Pilia e da Alessandro Pili, attore comico. Sono state già pianificate 40 puntate di 60 minuti l’una. Si tratterà di cosa accade in Sardegna, con le storie degli ascoltatori più giovani e sentendo i sindaci dell’isola, gli artisti, i musicisti, gli scrittori e le associazioni che nei piccoli paesi animano la scena culturale sarda.

Radiosissimo 2021 alle Radio locali

Quello di RADIOLINA sarà un anno di impegno e di sviluppo nella disponibilità dei mezzi e delle possibilità di operare nella pandemia. Tutto ciò all’interno di una coniugazione virtuosa tra strategia editoriale, eventi e territorio. Mi sento di incoraggiare tutte le realtà locali che non lo seguissero già a creare e poi perseguire un piano convergente così strutturato e con i contenuti in base alle proprie specificità. E allora sarà un Radiosissimo 2021…

Condividi il contenuto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *